EUROPA/ARMENIA - Le vittime del Genocidio saranno proclamate sante dalla Chiesa armena apostolica il 23 aprile. Agenzia Fides 04.02.2015

Erevan (Agenzia Fides) - La Chiesa armena apostolica si appresta a riconoscere la santitą delle vittime del Genocidio armeno con una liturgia solenne, in programma il prossimo 23 aprile presso la Sede patriarcale del Catholicosato di Echmiadzin, retto dal Patriarca Karekin II. Lo ha annunciato, a nome del Patriarca, il Vescovo Bagrat Galstanyan, in una conferenza stampa svoltasi il 3 febbraio presso la Sede patriarcale. “La Chiesa armena - ha sottolineato il Patriarca Karekin in una dichiarazione diffusa per l'occasione e pervenuta all'Agenzia Fides - non santifica. Essa riconosce la santitą dei santi che č gią riconosciuta dal popolo, e che č stata attestata con evidenza. La Chiesa riconosce solo quello che č accaduto, riconosce il Genocidio”.
La decisione di riconoscere come Santi le vittime del Genocidio era gią stata presa dalla Chiesa armena apostolica nel settembre 2013, nell'incontro presso la sede patriarcale di Echmiadzin, a cui per la prima volta dopo sei secoli avevano preso parte tutti i Vescovi armeni apostolici, sia quelli che fanno capo direttamente al Catholicosato di Echmiadzin, sia quelli legati al Catolichosato della grande Casa di Cilicia (retto dal Catholicos Aram I, con sede in Libano). Nella liturgia del prossimo 23 aprile il salmo “martiri di Aprile”, composto dal defunto Vescovo Zareh Aznavourian, verrą utilizzato come salmo per la canonizzazione. Alla celebrazione parteciperanno i capi delle Chiese sorelle orientali e le delegazioni di altre Chiese. La liturgia inizierą alle 16 per concludersi simbolicamente alle 19,15 in punto, nel minuto in cui sugli orologi digitali compare la successione di numeri corrispondente all'anno in cui fu perpetrato il Genocidio armeno. (GV) (Agenzia Fides 4/2/2015)


Il 23 aprile Sante per la Chiesa armena le vittime del Genocidio. Avvenire 4 febbraio 2015

La Chiesa armena apostolica si appresta a riconoscere la santitą delle vittime del Genocidio armeno con una liturgia solenne, in programma il prossimo 23 aprile presso la Sede patriarcale del Catholicosato di Echmiadzin, retto dal Patriarca Karekin II.

Lo ha annunciato, a nome del Patriarca, il Vescovo Bagrat Galstanyan, in una conferenza stampa svoltasi il 3 febbraio presso la Sede patriarcale. “La Chiesa armena - ha sottolineato il Patriarca Karekin in una dichiarazione diffusa per l'occasione e pervenuta all'Agenzia Fides - non santifica. Essa riconosce la santitą dei santi che č gią riconosciuta dal popolo, e che č stata attestata con evidenza. La Chiesa riconosce solo quello che č accaduto, riconosce il Genocidio”.

La decisione di riconoscere come Santi le vittime del Genocidio era gią stata presa dalla Chiesa armena apostolica nel settembre 2013, nell'incontro presso la sede patriarcale di Echmiadzin, a cui per la prima volta dopo sei secoli avevano preso parte tutti i Vescovi armeni apostolici, sia quelli che fanno capo direttamente al Catholicosato di Echmiadzin, sia quelli legati al Catolichosato della grande Casa di Cilicia (retto dal Catholicos Aram I, con sede in Libano).

Nella liturgia del prossimo 23 aprile il salmo “martiri di Aprile”, composto dal defunto vescovo Zareh Aznavourian, verrą utilizzato come salmo per la canonizzazione. Alla celebrazione parteciperanno i capi delle Chiese sorelle orientali e le delegazioni di altre Chiese. La liturgia inizierą alle 16 per concludersi simbolicamente alle 19,15 in punto, nel minuto in cui sugli orologi digitali compare la successione di numeri corrispondente all'anno in cui fu perpetrato il Genocidio armeno.


Armenia, la Chiesa apostolica: saranno sante le vittime del genocidio

Lo riferisce la Fides. La canonizzazione č stata fissata al 23 aprile

redazione (vatican insider)


La Chiesa armena apostolica si appresta a riconoscere la santitą delle vittime del genocidio armeno con una liturgia solenne, in programma il prossimo 23 aprile presso la sede patriarcale del Catholicosato di Echmiadzin, retto dal patriarca Karekin II. Lo ha annunciato, a nome del Patriarca, il vescovo Bagrat Galstanyan, in una conferenza stampa svoltasi presso la Sede patriarcale. Lo riferisce l'agenzia vaticana Fides.

«La Chiesa armena - ha sottolineato il patriarca Karekin in una dichiarazione diffusa per l'occasione - non santifica. Essa riconosce la santitą dei santi che č gią riconosciuta dal popolo, e che č stata attestata con evidenza. La Chiesa riconosce solo quello che č accaduto, riconosce il genocidio».

La decisione di riconoscere come santi le vittime del genocidio, di cui quest'anno ricorre il centenario, era gią stata presa dalla Chiesa armena apostolica nel settembre 2013, nell'incontro presso la sede patriarcale di Echmiadzin, a cui per la prima volta dopo sei secoli avevano preso parte tutti i vescovi armeni apostolici, sia quelli che fanno capo direttamente al Catholicosato di Echmiadzin, sia quelli legati al Catolichosato della grande Casa di Cilicia  (retto dal catholicos Aram I, con sede in Libano).

Nella liturgia del prossimo 23 aprile il salmo «martiri di Aprile», composto dal defunto vescovo Zareh Aznavourian, verrą utilizzato come salmo per la canonizzazione. Alla celebrazione parteciperanno i capi delle Chiese sorelle orientali e le delegazioni di altre Chiese. La liturgia inizierą alle 16 per concludersi simbolicamente alle 19,15 in punto, nel minuto in cui sugli orologi digitali compare la successione di numeri corrispondente all'anno in cui fu perpetrato il genocidio armeno.