Aldo Ferrari,  Il Caucaso. Popoli e conflitti di una frontiera europea, Edizioni Lavoro, Roma 2005, pp. 143, euro 12.

Questo volume costituisce uno  strumento di base utile a chi voglia accostarsi alle complesse dinamiche della regione caucasica, divenuta cruciale dopo la dissoluzione dell'URSS.
Dopo un rapido sguardo sull'epoca antica e medievale, l'autore prende in considerazione la conquista russa del Caucaso e l'epoca sovietica, per concentrarsi infine sulla situazione odierna. In particolare vengono analizzati i conflitti interetnici (dall'Alto Karabakh alla Cecenia) e le rivalitÓ geopolitiche che fanno di questa regione un'area di grande rilievo nel panorama politico internazionale. Un'attenzione particolare Ŕ infine riservata al rapporto tra il Caucaso e l'Europa, soprattutto alla luce dell'inserimento delle tre repubbliche della Transcaucasia nella Politica di ProssimitÓ dell'UE.

Aldo Ferrari insegna Lingua e Letteratura Armena presso l'UniversitÓ Ca' Foscari di Venezia ed Ŕ responsabile del Programma di Ricerca Caucaso-Asia Centrale dell'Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) di Milano. Tra le sue pubblicazioni principali: Alla frontiera dell'impero. Gli armeni in Russia (1801-1917),  Milano 2000; La foresta e la steppa. Il mito dell'Eurasia nella cultura russa, Milano 2003; L'Ararat e la gru. Studi sulla storia e la cultura degli armeni,  Milano 2003.