Henri Verneuil, cineasta francese e ricordo di un ragazzo armeno di Varoujan Aharonian

È morto a Parigi, l’11 Gennaio, a 81 anni, l’autore di numerosi film di successo, che aveva raggiunto un’altissima popolarità nel 1991 con il film Mayrig,la storia della sua famiglia scampata al genocidio del 1915 e accolti dalla Francia.

Henri Verneuil è stato uno dei pilastri del cinema popolare francese degli anni ’60 e’70, uno dei simboli di una industria, quella cinematografica, allora in grande fermento artistico ; egli ha girato film con le più grandi stars francesi dell’ epoca come Jean Gabin, Fernandel, Jean-Paul Belmondo,

Alain Delon ed ha riscosso un notevole successo di pubblico.

Spesso trascurato nei manuali di cinema, l’ opera di Henri Verneuil è stata frequentemente ridotta, e a torto, alle grosse produzioni dell’ ultima parte della sua carriera dove apparivano importanti stars hollywodiane come Anthony Quinn, Yul Brinner e Henry Fonda.

Henri Verneuil ha avuto una  grande reputazione anche al di la dell’ oceano dove era  considerato uno dei registi europei capace di competere con i grandi di Hollywood.

Henri Verneuil, o meglio, Achod Malakian è nato a Rodosto in Turchia nel 1920 ; a quattro anni  con la sua famiglia arriva a Marsiglia in Francia cosi come molti emigrati armeni scacciati dalle loro terre negli anni ’20 e ’30 e costretti a sfuggire ai pianificati ai massacri eseguiti dal governo turco.

Dopo i suoi studi d’ ingegneria alla scuola di arti e mestieri di Aix-en-Provence Henri Verneuil si occupa di giornalismo e radio prima di debuttare al cinema alla fine degli anni ’40 come assistente e realizzatore di cortometraggi.E’ Fernandel che gli offre la prima possibilità confidando in lui la realizzazione de La table  aux crevés(1951) e de Fruit défendu(1952). Henri Verneuil ritroverà  Fernandel  nel 1959 nel flim La vache et le Prisonnier che sarà il suo primo grande successo commerciale.Les amants du Tage (1954), con Francoise Arnoul e Daniel Gélin ma soprattutto il magnifico Des gens sans importance del 1956 con  Francoise Arnoul e Jean Gabin in compagnia del quale  Verneuil girerà altri quattro film,sottolineano una vena  artistica poco conosciuta presso i registi,che sa esprimere l’ intensità dei rapporti umani.

Il talento di Henri Verneuil s’incarnerà inseguito in alcune produzioni popolari dove verrà fuori tutta la sua genialità.

Con “Un singe un hiver” del 1962 egli riuni Jean-Paul Belmondo e Jean Gabin e trasformò il romanzo di Antoine Blondin in una strana epopea dove due individui rivelano le loro qualità di uomo attraverso l’ alcool.  

Henri Verneuil ha saputo stabilire in modo ammirevole un legame tra due generazioni di commedie quelle cioè dell’ anteguerra con  Jean Gabin e le altre degli anni ’60 con Jean-Paul Belmondo e Alain Delon .

La sua passione per la regia lo porterà a dirigere nel 1969 Les clan des siciliens con Jean Gabin, Alain Delon e Lino Ventura che resta uno dei più grandi vanti del cinema francese.Tra gli anni ’70 e’80 Verneuil collabora a dei film polizieschi  che danno risalto soprattutto alla figura di Jean-Paul Belmondo.Nel 1991 poi Henri Verneuil testimonia i suoi ricordi d’infanzia  con  i suoi ultimi due bellissimi film  Mayrig e Rue Paradis  magistralmente interpretati da Omar Sharif e Claudia Cardinale.Nel 1996 a coronamento di una carriera  straordinaria gli viene consegnato un César d’honneur (oscar alla carriera) e diviene membro dell’ Accademia delle Belle Arti.

Filmografia  (in lingua originale)

1951- La Table aux crevés;

1952- Le fruit défendu;  Brelan d’as;  Le boulanger de Valorque;

1953- Carnaval;  L’Ennemi public n°1;

1954- Le Mouton à cinq pattes;  Les Amants du Tage;

1955- Des gens sans importance;

1956- Paris Palace Hotel;

1957- Une manche et la belle;

1958- Maxime;

1959- La Vache et le prisonnier; Le Grand Chef;

1960- La française et l’ amour; sketch l’Adultère; L’Affaire d’une nuit; Le Président.;

1961- Les lions sont lachés;

1962- Un singe en hiver;

1963- Mélodie en sous-sol;

1964- Cent mille dollars au soleil;

1965- Week-end à Zuydcoote;

1966- La Vingt-Cinquième Heure;

1967- La Bataille de San Sebastian;

1969- Le Clan des Siciliens;

1971- Le Casse;

1973- Le Serpent;

1975- Peur sur la ville;

1976- Le corp de mon ennemi;

1979- I comme Icare;

1981- 1000 milliards des dollars;

1984- Les Morfalous;

1991- Mayrig ; 588, Rue Paradis

 

Indice

akhtamar@comunitaarmena.it